giovedì 28 gennaio 2016

wine _Valle d'Aosta + Piemonte +basilicata _ abbinamento wine/cibo_mosto & vino _

very  importat to sommelier , chef adrianomennillo_ è necessario rispettare alcune regole nel servire il vino :  servire i vini leggeri prima di quelli robusti - iniziare con i vini vecchi e terminare con quelli dolci - servire i vini maturi dopi i giovani -far seguire il vino aromatico al vino secco - non accompagnare il vino con cioccolato , alimenti agri/acidi  , i gelati e le macedonie al liquore.

photo canon 400D, 28-135mm by adrianomennillo /2015/ cantina LA MORRA ( CUNEO )








 

ABBINAMENTO per  TRADIZIONE ( VINO & CIBO) - Un piatto tipicamente regionale o locale va generalmente abbinato ad uno dei vini della stessa zona per creare un'affinità di profumi e di sapori> Abbinamento di contrasto /concordanza di sapori :: -L'abbinamento più piacevole si ha quando il vino esprime caratteristiche opposte a quelle del cibo. Quando un piatto é particolarmente grasso (lo zampone ad esempio) sarà bene abbinarlo ad un vino rosso fresco (inteso come acidità del vino), sapido che contrastando l'untuosità del cibo ripulisca la bocca e alleggerisca la pesantezza del piatto. Il sapore dolce di un cibo tende a prevalere, soprattutto nel caso dei dessert. Poiché non esistono vini secchi che possano reggere il confronto con il carattere dolce di un dessert é decisamente meglio assecondare il contenuto zuccherino del piatto e abbinare un vino dolce (concordanza piatto dolce vino dolce). Tendenzialmente il corpo del vino deve essere proporzionale alla struttura del piatto e quindi un piatto piuttosto complesso che necessita di una preparazione elaborata dovuta al tipo di cottura, alla quantità o preziosità degli ingredienti, va abbinato ad un vino altrettanto complesso e robusto, di buon invecchiamento, che possa cioè non essere sovrastato dalla personalità del cibo. Un piatto leggero e delicato di conseguenza non dovrà essere " coperto " da vini troppo importanti o dotati di una pronunciata componente aromatica, ma si sposerà ad un vino schietto, leggero e giovane.Ogni piatto dovrebbe essere accompagnato idealmente da un vino diverso, e quindi al variare delle portate andrebbe variato il vino, perché ogni piatto presenta proprie caratteristiche gustative.






Bagna Caoda :ingredienti e dosi per 3/4 persone ::3/4  acciughe ( a persona )_   4/5  spicchi d'aglio _olio extra d'oliva _ verdure tradizionali piemontesi _FATE COSI _ tagliare a fettine gli spicchi d’aglio puliti e privati del germoglio, mettere  l’aglio in un tegame di coccio, aggiungere un bicchiere d’olio e iniziare la cottura a fuoco bassissimo rimescolando con il cucchiaio di legno e avendo cura che non prenda colore; aggiungere poi le acciughe dissalate, diliscate, lavate nel vino rosso e asciugate, rimestandole delicatamente. Coprire con il restante olio e portare l’intingolo a cottura a fuoco lento per una mezz’oretta, badando che la bagna non frigga.Al termine della cottura si potrà aggiungere, se piace un sapore più morbido, un pezzetto di burro freschissimo. Versare la bagna negli appositi “fujot” (fornellini di coccio) e accompagnarla con le seguenti verdure: crude: cardi gobbi di Nizza, topinambur, cuori di cavolo bianco, invidia e scarola, peperoni freschi e sotto graspa, cipollotti crudi inquartati ed immersi nel vino barbera; cotte: barbabietole rosse, patate lesse, cipolle al forno, zucca fritta, peperoni arrostini.
****** consil du chef adrianomennillo_ questo è un sontuoso antipasto , come vino rosso va bene il Barbera d'Alba Superiore Doc  ( Cuneo) oppure il Barbera d'Asti Docg ( Asti- Alessandria ) io l'ho servito da chef de rang all'Hotel Regina Palace di Stresa  !!!!La bagna cauda si serve nel "fojòt" , un contenitore da cucina in terracotta smaltata costituito da un vano inferiore, in cui si pone un fornelletto, e da un vano superiore nel quale si versano liquidi e salse da scaldare o mantenere caldi., messo  al centro del tavolo tutti i commensali ne possano attingere. È tipico della cucina piemontese e si usa soprattutto per la bagna càuda.





Brasato al barolo > Ingredienti e dosi :  1 kg di muscolo di manzo   -  100 gr di lardo di maiale   -
3 carote   -  2 coste di sedano   - 1 cipolla   - 1 foglia di alloro  -  3 chiodi di garofano  -
1 spicchio d'aglio   -  un rametto di rosmarino    - una stecca di cannella lunga un centimetro   -
una bottiglia di Barolo   -  1/2 bicchiere di Brandy   -   50 gr di burro   -50 gr di grasso di prosciutto -
4/5 grani di pepe nero   - 1 cucchiaino di fecola di patate   - un pizzico di noce moscata   -
un cucchiaio di farina bianca  - sale.  -  Preparacion> Tagliate il lardo a listarelle e lardellate la carne. Tagliate a pezzetti le carote e il sedano. Dividete in quattro pezzi la cipolla. Mettete in una terrina le verdure tagliate, la carne, un poco di sale, i grani di pepe, i chiodi di garofano, la foglia di lauro, il rosmarino e il pezzetto di cannella. Tagliate l'aglio a pezzetti, aggiungetelo alla carne e versatevi sopra il Barolo. Lasciate marinare per 12-16 ore almeno. Sgocciolate la carne, infarinatela un poco e legatela con lo spago. Tritate il grasso di prosciutto e mettetelo in una casseruola preventivamente imburrata. Fate sciogliere il grasso e rosolatevi la carne da tutti i lati. Passate il liquido della marinata attraverso un colino, raccogliendolo in un pentolino. Scaldatelo fino a farlo ridurre a 3/4, qindi versatelo sulla carne condita con sale. Aggiungete le verdure della marinata, coprite il recipiente e lasciate cuocere a fuoco basso per circa 2 ore. Al termine della cottura estraete la carne, sgocciolatela e tenetela da parte in caldo sul piatto da portata. Schiumate il liquido di cottura, eliminando il grasso, e aggiungetevi la fecola e la noce moscata. Cuocete mescolando per 5 minuti circa. Spruzzate la carne di brandy e versatevi sopra un po' della salsina ottenuta dal fondo di cottura. Servite subito.




Brasato al nebbiolo - ingredienti e dosi  -  1 kg di carne... chiedete al macellaio un taglio adatto a una cottura lunga come lo scamone la fesa o la spalla (preferibilmente fassone piemontese)
1,5 litri di nebbiolo
1 spicchio d'aglio
1 cipolla grande
3 carote
3 gambi di sedano
un rametto di rosmarino
2 foglie di alloro
3 chiodi di garofano
olioextra vergine di oliva
sale pepe

- METHOD- 
Pulite la cipolla, il sedano e le carote e tagliate tutto a pezzetti.,  legate la carne, mettete dell'olio in una pentola e fate rosolare (a fuoco vivace) la carne in ogni sua parteAggiungete l'aglio la cipolla il sedano e le carote e quando saranno appassite iniziate a versare il vino nella pentola. Aggiungetene poco alla volta in modo che di volta in volta si scaldi e che la carne non subisca un abbassamento troppo brusco di temperatura. Abbassate il fuoco.
Dopo una mezz'ora di cottura aggiungete anche il rosmarino, l'alloro i chiodi di garofano, salate e pepate..
Continuate la cottura, per almeno altre 2 ore a fuoco basso, fin che la carne non risulterà morbida. Il brasato è uno stracotto e pertanto richiede di una cottura lenta e molto lunga.
 Quando la carne sarà raffreddata, toglietela dalla pentola slegatela e tagliatela a fette, filtrate il sugo di cottura.Al momento di servirla scaldate la carne nel proprio sugo e servitela bagnandola con lo stesso.
**** consil du chef adrianomennillo_a questo piatto , abbinate lo stesso vino .




 Il Mosto  è costituito fondamentalmente da acqua (70/80%), glucosio, fruttosio e contiene un elevato numero di sostanze tra cui le più importanti sono l'acido tartarico, l'acido malico e l'acido citrico. Tali acidi determinano l'acidità totale del vino compresa di solito tra 4 e 8 grammi per litro. Vi sono poi pectine e tannini che andremo ad analizzare più tardi. Il vino diversamente dal mosto, è costituito da una soluzione idroalcolica dove l'alcool è presente in quantità oscillanti, in genere, tra gli 80 ed i 140 millilitri di alcool etilico per litro ( 8° e 14° alcolici).Il vino contiene circa 600 sostanze ( molte delle quali sono già presenti nel mosto), tra cui come già visto per il mosto, gli acidi. Tali acidi si dividono in acidi fissi (tartarico, malico , succinico etc.) e quelli volatili (che possono distillare se il vino è portato all'ebollizione) come l'acido acetico (se è troppo elevata la quantità di acido acetico si ha un vino che è prossimo dal diventare aceto). La somma di tutti gli acidi presenti nel vino danno un valore chiamato acidità totale. Vi sono poi i sali degli acidi suddetti, le sostanze coloranti (diverse tra vino bianco e rosso), altri tipi di alcool, la glicerina, sostanze proteiche, dei minerali, alcune vitamine , i componenti delle sostanze che danno i profumi ed i sapori, l'anidride carbonica, che se presente in grandi quantità rende i vini frizzanti ed infine i tannini che sono presenti nei vini rossi ed hanno un gusto amarognolo ed astringente.

                                                     ççççççççççççççççççç



  ****Blanc de Morgex ( Valle   d'Aosta ) la  zona di produzione si trova nei comuni di Morgex / La Salle a un'altitudine compreso tra 1.000 / 1.100 metri , accostomamento gastronomici , è un bianco secco , da consumare a 8/10 C , va bene come aperitivo e accompagna sia le minestre che il pesce.

****Gamay  della Valle d'Aosta ( vitigni solo Gamay ( originario della Borgogna ) vino rosso rubine intenso , la durata dell'invecchiamento è di 1/2 anni ., è un vino a tutto pasto , ad una temperatura di 16/18C .


 ****Petit rouge : (valle d'Aosta )colore rosso rubino , sapore secco fresco , equilibrato di alcol e corpo, è indicato a tutto pasto , va servito a 16/18 C .


****Pinot Gris (valle d'Aosta ) bianco secco , viene escusivamente da uve del vitigno Pinot grigio o Pinot gris , sapore secco , piacevolmente fresco , va bene come aperitivo e antipasti , servire  8/10C .

***Armaz  :( valle d'Aosta ) vino rosso .
***Aymaville  : vino rosso  .
***Blanc de la Salle : vino bianco .
***Chambave : vino rosso .
***Passito di Chambave :vino bianco .
***Vien de nus : vino rosso . 

*******************************************


Camoscio alla piemontese - ingredienti e dosi per 4 persone_ 800 gr di polpa di camoscio tagliato a piacere - 3 cipolle - rosmarino -1 sedano e carita- 3 chiodi di carofano- 1 dl di vino bianco-2 dl di aceto di vino bianco- 10 gr di zucchero-40 gr di burro-20 gr di farina ' OO' - sale e pepe_ METHOD_ in un tegame basso ( oppure una ciotola di plastica )  fate marinare per 24 ore la carne con 1 rametto di rosmarino , sedano e carita ,  le cipolle tagliate  a metà , dentro conficcate i chiodi di carofano , tutti tagliate a rondelle , poi il vino e l'aceto e mettete in frigorifero , passate le ore , togliete dal frigo e fate sgocciolare il camoscio dalla marinata , ( conservare la marinata )   asciugate la carne , infarinatela ( su tutta la carne , aggiungete la farina e girate ) poi mettete in un tegame con con il burro a fuoco vivo , mescolate spesso  per 2 o 3 minuti , abbassate la fiamma , aggiungete lo zucchero , sale e pepe , adesso aggiungete la marinata filtrata e continuate la cottura a recipiente coperto per 60/80 minuti , se necessario unite poco marinata , servie il camoscio / vedi mia photo / con due fiocchetti di rosmarino .
***** consil du chefAdrianomennillo _ accompagnate questo suntuoso piatto con il vino rosso Gattinara , vine Piemonte .



                                                            **************************

 ***Brachetto d'Acqui : vino rosso ( Asti & Alessandria ) colore tendente a granato , molto delicato , sapore dolce frizzante , va bene per i dolci al forno.

 *** Gattinara : è prodotto da secoli , colore rosso granato , sapore asciutto , armonico , gradazione minima al consumo 12° , va servito ai 20C , L'INVECCHIAMENTO è obbligatorio di 4 anni ( 2 in botti di legno ).



**** Gavi /Cortese di Gavi : colore paglierino , odore delicato , può essere frizzante oppure spumatizzato , abbinato per antipasti magri , ostriche , frutti di mare , trote e pesci di acqua dolce , va servito sio 10°C . 

**** Ghemme : colore rosso granata .

**** Grignolino d'Asti : rosso rubino , sapore asciutto leggermente tannico , gradazione al consumo è 11°C .
 75 cl - 12% vol _antico vitigno di colore rosso leggero , profumo di prugna cotta , è fresco , delicato , va servito a temperature 13 / 15 ° C _





*** Grignolino del Monferrato Casalese : colore rosso rubino .

**** Malvasia di Casorzo : rosso rubino  , anche spumante , è da servire fresco , è indicato per dolci /gelati .

***Malvasia di Castelnuovo :colore rosso , può ottenersi anche Frizzante e Spumante .

***Nebbiolo d'ALBA : colore rosso rubino , il secco deve essere sottoposto a un periodo di invecchiamento di almeno 1 anno , può essere prodotto anche nel tipo Spumante , il tipo Dolce conserva , fresco e sapido .il secco si abbina bene a risotto , fritture leggere , fonduta con tartufo bianco , cani bianche , quello invecchiato è adatto ad arrosti e sevaggina .


***** Vino Barbaresco Docg (Piemonte  Il Barbaresco è ottenuto da Nebbiolo in purezza e si presenta con un colore intenso e brillante che va sfumando dal rosso rubino al granato e un bouquet stimolante di profumi ancora fruttati eppure eterei che richiamano il lampone e la confettura di frutti rossi, il geranio e la viola, ma anche il pepe verde, la cannella e la noce moscata, il fieno e il legno, la nocciola tostata, la vaniglia e perfino l’anice. Deve invecchiare almeno due anni di cui uno in legno di rovere e dopo quattro può definirsi “Riserva”.
Raggiunge il suo meglio tra i 5 ed i 10 anni ma può essere anche molto più longevo. Sul mercato si trovano prodotti tradizionali ed altri interpretati in modo più internazionale con affinamenti in legno piccolo. La zona di produzione comprende l’intero territorio dei Comuni di Barbaresco, Treiso, Neive e parte del Comune di Alba. È prodotto da piccoli vinificatori, da cooperative prestigiose e anche da nomi di eccellenza mondiale. 


**** Bramantera ( è un vitigno Nebbiolo ( Vercelli ) colore rosso granata , sapore asciutto , si immette al, consumo solo in bottiglie bordolesi a vetro scuro ammesse a titolo definitivo dalla CEE. , è UN VINO PER GLI ARROSTI , CACCIAGIONE , SI SERVE A TEMPERATURA 20c .

**** Boca ( Cuneo & Novara ) è un vino rosso rubino , sapore sapido , asciutto ( retrogusto di melagrana , il suo invecchiamento è minimo di 3 anni ( 2 in botti di legno ) è un vino per accompagnare piatti di carne , cacciagione e pietanze regionali , va servito sotto i 18/19C


**** vino Monferrato Freisa Doc _ alcool  5,5 g/l _temperatura di servizio 16/18°C , vitigno tradizionale del Monferrato astigiano e diffuso in tutto il Piemonte, la Freisa fa parte della ricchezza e della varietà delle uve rosse del Piemonte. Il Monferrato Freisa DOC , è un vino rosso intenso e asciutto, ottimo con i piatti saporiti e con tutti i formaggi. _


**** Colli Tortonesi (Tortona ) vitigno barbera  , ma anche FREISA-BONARDA , colore rosso rubino , sapore secco  , è un vino adatto a tutto pasto , gradito con salumi .


***** vino  Barolo Docg .il grande vino italiano per eccellenza, ottenuto da uve Nebbiolo in purezza. Nasce nel cuore delle colline di Langa, a pochi chilometri a sud della città di Alba, nel territorio di 11 Comuni che si inseguono in un suggestivo itinerario di colline, cesellate dalla mano esperta dell’uomo e sorvegliate da imponenti castelli medioevali, fra cui proprio quello di Barolo, che ha dato il nome al vino oggi celebre in tutto il mondo,sono Comuni centrali della zona del Barolo anche La Morra, Monforte, Serralunga d’Alba:



***** Fara ( provincia di Novara ) vino rosso rubino , si abbina a carni rosse , va servito a 18/20C .

**** Fresia d'Asti : è diffuso solo nel Piemonte , colore rosso granato , sapore amabile .

**** Freisa di Chieri : colore rosso rubino , odore fine che ricorda quello del lampone e della viola , sapore asciutto , va servito a temperatura ambiente .

**** CAREMA ( Piemonte ) colore granato , sapore morbido , vellutato di corpo , va messo in commercio solo dopo 4 anni di invecchiamento , va bene per i piatti di carne di bue e manzo , brasati, grigliate , selvaggina e il fois gras , va servito a temperatura 20/22C .



***** Vino Barbera d'ASTI  Docg : alcool ::12/5% _acidità :: 5,5 g/l _temperatura di servizio  16-18 °C ( vino Piemontese )   apprezzato in tutto il mondo, ottenuto da un vitigno storico della zona di Asti: la Barbera. Intensità, carattere e tradizione per un vino rosso da gustare con salame, affettati, carni rosse, arrosti, selvaggina e formaggi stagionati. 


** Langhe Arneis : vino  bianco _Alcool 13% _acidità 5,5g/l _temperatura di servizio 6-8 °C _
sapore fresco e delicato , buon equilibrio tra alcool e sapidità.Il Langhe DOC Arneis interpreta al meglio la lunga tradizione di questo grande classico Piemontese. Il tipico giallo paglierino dona subito freschezza a questo delicato e saporito vino bianco. Ideale come aperitivo, con antipasti, piatti leggeri, pesce e formaggi.


****Dolcetto delle Langhe Monregalesi . colore rosso rubino , servire a 17/18 C .

**** Dolcetto di Diano d'Alba . D.OC , ( non è dolce ) colore rosso rubino , servire a 17/18C.

**** vino Barbera d'ALBA ; è un vino di prestigio, ricco di colori che si richiamano in genere al rubino purpureo, proprio quello degli abiti cardinalizi; il profumo è ampio e composito, con note fruttate che ricordano la mora, la ciliegia, la fragola e la confettura di frutti rossi e sentori speziati che richiamano la cannella, la vaniglia, il pepe verde.Il sapore, pieno e corposo, attenua la caratteristica di acidità tipica del vitigno., si utilizzano con successo legni piccoli adatti al tipo di vino, proprio perché anch’essi smorzano l’acidità che - va precisato - resta fondamentale per l’equilibrio di gusto del prodotto e per una buona, piacevole bevibilità e digeribilità.)


**** Dolcetto di Dogliani . colore rosso rubino

***** Dolcetto di Ovada : colore rosso rubino , servire a 16/20C

**** Erbaluce di Caluso  : colore giallo paglierino , sapore secco , è un vino che accompagna bene tutti i pesci .

**** Caluso Passito :vino bianco , colore giallo oro , va bene anche per formaggi piccanti e dolci farciti , servire a temperatura 18C .

**** Rubino : ( nei comuni di Alessandria ) colore rosso rubino , con riflessi granati , vitigni barbera 70/90% con il 25% di uve dei vitigni Grignolino e Freisa ..

**** vino bianco ,  Piemonte Chardonnay _alcool  11°C _acidità 5,5 g/l _temperatura  6-8°C , ottenuto con uve di Chardonnay provenienti da vigneti della Provincia di Cuneo, il Piemonte Chardonnay DOC ,  è un vino bianco fresco, profumato e adatto per tutte le occasioni. Ideale con il pesce, i crostacei e i frutti di mare, i primi leggeri e i formaggi non stagionati



**** vino Nebbiolo d'ALBA_ alcool 13/5% _acidità 5g/l _temperatura di servizio 16/18°C_  classico vino rosso piemontese ottenuto da uve di Nebbiolo, provenienti da vitigni situati nel territorio della Provincia di Cuneo. Il Nebbiolo d’Alba DOC ,  ha un sapore deciso e armonico al palato. Ottimo con i primi piatti consistenti, le carni rosse e i formaggi. _


:::: vini da TAVOLA ( Piemonte ) Arneis dei Roeri  , bianco secco .
Bonarda piemontese (rosso Bonarda)
                                                            Barbera della Val Tiglione : vino rosso secco .

                                                             Barbera delle colline Piemontesi  : colore rosso rubino .

                                                            Barengo : colore giallo paglierino .

                                                            Agliè ( rosso )_Avana ( rosso ) 
Avarengo di Pinerolo (rosso)
                                                            Barbarossa piemontese (rosato) 
Barengo bianco ( bianco)
                                                           Brusnengo (rosso) .
Campiglionr ( rosso )Cari ( rosato e rosso) 
                                                           Cesnola (rosso Nebbiolo )
 Cortese del Piemonte ( bianco)
                                                           Greco di Novara (bianco) 
Montorfino ( rosso Nebbiolo )
                                                          Mottalciata 8 rossoNebbiolo  )
Romagnano ( rosso bonarda )
                                                           

*** Sizzano : ( Novara ) colore rosso rubino , invecchiamento per 3 anni ( 2 in botti ) si abbina ad arrosti , selvaggina , bolliti escluso il pesce !!!! si serve a temperatura di 20°C .


***** vino PEIMONTE  GRIGNOLINO Doc_alcool 12% _acidità 5,5g/l _temperatura di servizio 6-8 °C ,Grignolino è uno dei vitigni più antichi del Piemonte ed è un vino fra i più delicati ed eleganti , esprime profumi fruttati e ha un sapore asciutto. Vino rosso ideale con salumi, carne cruda, secondi piatti leggeri e formaggi a media stagionatura.



***** Vino ALBA  Doc _ ( vino Piemontese delle langhe , Cuneo )  Il Vino deve avere almeno il 70% di Nebbiolo e almeno il 15% di Barbera nonchè può utilizzare non più del 5% di altri vitigni a bacca rossa coltivati nella zona.Si tratta quindi di un assemblaggio che già si faceva tradizionalmente per compensare i caratteri del nebbiolo con quelli della barbera: a detta di qualcuno è il classico “taglio all’albese”. Si tratta di vini di possibile grande pregio e di struttura importante che devono invecchiare almeno due anni prima di poter essere venduti.  


                                      @@@@@@@

vino Aglianico del volture ( Basilicata )
Aparte del'Aglianico del Vulture DOC ci sono anche altri vini senza il marchio DOC, come l'Aglinaico dolce un vino da dessert con un buon corpo e l'Aglianico di Filiano che viene coltivato a Filiano, un picolo paese a sud del Vulture.Il vino Aglianico del Vulture ha un colore rosso rubino granato; profumo fragrante e vinoso, con sentore di fragola e di lampone; di sapore asciutto, sapido, armonico. 11,5-13% di alcool. L’Aglianico viene considerato vecchio dopo almeno 3 anni e di riserva dopo almeno 5 anni di invecchiamento in barrique. Ottimo con carni ed arrosti.Il vitigno Aglianico è stato portato in Italia, con il nome di Hellenica, dai greci. I romani lo chiamarono Ellenico e lo usarono per migliorare la qualità del Falerno un vino molto amato dai poeti dell'epoca. Nel XV secolo sotto la dominazione degli Aragonesi è stato denominato Aglianico.




_________________

vino  TEROLDEGO  75 cl , 12,5° vol ( origine Protetta  , Riserva Superiore )
Colore – Rosso rubino vivo e brillante; granato con l’invecchiamento
Gusto – Secco, sapido e di corpo, ben strutturato.
Profumo – Intenso, fruttato di lampone e mirtillo.
Temperatura di servizio – 16 – 18 °C giovane, 18 – 20 °C invecchiato
Accostamenti gastronomici – Vino opulento, ma morbido, si sposa a tutte le carni, compresa la selvaggina così come ai formaggi .(Teroldego , significa ' oro del deserto ' 

Hide Navigation CERCA Alimenti & Bevande Ricette Utensili Come si fa Chef Rubriche Libri Locali News Speciali Tu sei qui Home › Alimenti & Bevande › Vini › Vini italiani › Teroldego Teroldego Teroldego Rotaliano e Mezzocorona Principe dei vini Trentini, la culla del Teroldego è il Trentino Campo Rotaliano. Questo vino è quello che per storia, profumi, aromi, corpo, interpreta più di ogni altro il Trentino. È la prima DOC Trentina. Teroldego Info: Generali Geografiche Nutrizionali Operative Culturali Annotazioni Commenti Generali↑ Vai all'indice Colore Rosso rubino con riflessi violacei. Profumo Fruttato, lampone e viola. Si sentono anche note vegetali mentolate, lievemente balsamiche. Gusto Leggermente tanninico, robusto, con un tipico retrogusto di mandorla. Gradazione Se supera gli 11,5% può fregiarsi della qualificazione "superiore", se invecchiato per un periodo minimo di 24 mesi può fregiarsi della qualificazione "riserva".

Tratto da: http://www.alimentipedia.it/teroldego.html
Copyright © Alimentipedia.it

Hide Navigation CERCA Alimenti & Bevande Ricette Utensili Come si fa Chef Rubriche Libri Locali News Speciali Tu sei qui Home › Alimenti & Bevande › Vini › Vini italiani › Teroldego Teroldego Teroldego Rotaliano e Mezzocorona Principe dei vini Trentini, la culla del Teroldego è il Trentino Campo Rotaliano. Questo vino è quello che per storia, profumi, aromi, corpo, interpreta più di ogni altro il Trentino. È la prima DOC Trentina. Teroldego Info: Generali Geografiche Nutrizionali Operative Culturali Annotazioni Commenti Generali↑ Vai all'indice Colore Rosso rubino con riflessi violacei. Profumo Fruttato, lampone e viola. Si sentono anche note vegetali mentolate, lievemente balsamiche. Gusto Leggermente tanninico, robusto, con un tipico retrogusto di mandorla. Gradazione Se supera gli 11,5% può fregiarsi della qualificazione "superiore", se invecchiato per un periodo minimo di 24 mesi può fregiarsi della qualificazione "riserva".

Tratto da: http://www.alimentipedia.it/teroldego.html
Copyright © Alimentipedia.it



                                                              __________________________

1 commento:

  1. Sommelier_

    by chef/sommelier , adrianomennillo:
    the choice of wine is linked to that of the dish.

    RispondiElimina